Domanda di locazione alloggio di edilizia residenziale pubblica (alloggio Itea)

Servizio per presentare la domanda di locazione di alloggi di edilizia pubblica, disponibile per nuclei familiari aventi un indicatore Icef pari o inferiore a 0,2300.

Approfondimenti

Cos'è

Le norme provinciali in materia di politica della casa prevedono vari strumenti a sostegno delle famiglie, tra cui in particolare la locazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica e la concessione di un contributo sul canone di locazione sul libero mercato.

Gli alloggi di edilizia residenziale pubblica sono abitazioni di proprietà pubblica concesse in affitto a persone singole o a famiglie in condizione disagiata. Il canone di locazione di tali alloggi è definito in base alla capacità economica del nucleo assegnatario.

La domanda di locazione di alloggio di edilizia pubblica, così come quella di contributo, si presenta a cadenza annuale: per il 2020 il periodo di apertura delle domande va dal 28 settembre al 18 dicembre.
Per l’anno 2020 il Comune di Trento ha predisposto un modulo unitario per entrambe le domande, di locazione e contributo, nell’ottica di semplificare la compilazione.

L'assegnazione degli alloggi pubblici avviene attraverso la formazione di apposite graduatorie, che saranno approvate entro il 30 giugno dell’anno successivo alla raccolta. Le graduatorie hanno validità annuale e vengono utilizzate per l’assegnazione degli alloggi che si rendono disponibili in corso d’anno.

A chi si rivolge

Possono presentare domanda:

  • cittadini italiani
  • cittadini di altro Stato appartenente all’Unione europea
  • cittadini extracomunitari in possesso di:
    • permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo
    • permesso di soggiorno e iscrizione nelle liste dei Centri per l’impiego o esercizio di regolare attività di lavoro subordinato o autonomo con iscrizione alla Camera di commercio.

 

Chi può fare domanda

Per presentare domanda è necessario essere in possesso dei requisiti specifici indicati nel modulo domanda e di seguito riportati in sintesi:

  • residenza continuativa da almeno 3 anni nella Provincia autonoma di Trento
  • residenza decennale in Italia (*)
  • Icef edilizia pubblica anno 2020 pari o inferiore a 0,2300
  • assenza di titolarità, di un diritto esclusivo di proprietà, usufrutto o abitazione su un alloggio adeguato nel triennio precedente alla data di apertura dei termini per la presentazione delle domande
  • assenza di condanne penali (1)

(*) La legge prevederebbe tra i requisiti di accesso anche la residenza decennale in Italia. Con recente ordinanza del Tribunale di Trento – sezione lavoro, non ancora definitiva (n. 138/2020 dd. 29 settembre 2020), tale requisito è stato tuttavia dichiarato incompatibile con il diritto europeo e come tale da disapplicare.

Le domande relative alla raccolta 2020 possono essere quindi presentate anche in assenza di tale requisito. L’indicazione sul modulo degli anni di residenza in Italia (con la scelta Si/No) serve a fini statistici ed in caso di eventuale riforma dell’ordinanza di primo grado. La valutazione sull’ammissibilità delle domande sarà svolta dal Comune in sede di redazione delle graduatorie, tenendo conto del quadro normativo e giurisprudenziale che si sarà delineato in tale momento.

Tutti i requisiti devono essere posseduti al momento della presentazione della domanda.

Sul sito della Provincia autonoma di Trento è possibile trovare informazioni in merito all'attestazione Icef edilizia pubblica anno 2020 e i Caf accreditati dove richiedere tale attestazione.

Copertura geografica

Trento

Accedi al servizio

Come si fa

La domanda di locazione di alloggio a canone sostenibile si può presentare scegliendo una delle seguenti modalità:

  • inviando il modulo debitamente compilato con Pec o email all’indirizzo spazioargento.politicheabitative@pec.comune.trento.it, fax 0461/884492, o raccomandata A/R (servizio Spazio argento e politiche abitative – Comune di Trento, via fratelli Bronzetti 1, 38122 Trento), allegando copia del documento di identificazione del richiedente e tutti i documenti indicati in calce al modulo.

    Per le domande inviate via mail, il servizio provvederà ad inviare conferma di ricezione entro 2 giorni dall’invio. Si raccomanda di verificare la ricezione di tale comunicazione e di chiamare il numero 0461 884048 in caso di mancato riscontro. La conferma vale quale prova di presentazione della domanda. Tutta la documentazione inviata via mail deve essere riunita in un unico allegato (è in particolare da evitare l’invio di mail multiple per la stessa istanza).

  • Previo appuntamento (da prenotare chiamando i numeri 0461 884053 oppure 0461 884046) per la compilazione a sportello con supporto del personale dell’ufficio, presso servizio Spazio argento e politiche abitative, in via fratelli Bronzetti n. 1.Previo appuntamento (da prenotare chiamando i numeri 0461 884053 oppure 0461 884046) per la compilazione a sportello con supporto del personale dell’ufficio, presso servizio Spazio argento e politiche abitative, in via fratelli Bronzetti n. 1.

Si raccomanda di presentarsi all’appuntamento con il modulo già compilato, per consentire il rispetto dei tempi. Il modulo può essere scaricato dal campo modulistica oppure può essere ritirato direttamente all’entrata della sede di via Bronzetti 1.

 

Si ricorda inoltre che

Causa l’emergenza coronavirus, l’accesso agli uffici può avvenire solo in assenza di sintomi febbrili o altre condizioni ostative all’accesso, indossando mascherina, igienizzando le mani, rispettando le distanze, come da disposizioni provinciali vigenti e da parte di una persona soltanto.

 

Autenticazione

Non hai Spid né la Cps/Cns attivata?

Scopri come fare e dove andare per ottenere le credenziali Spid (Sistema pubblico di identità digitale) e per attivare la Tessera sanitaria (Cps - Carta provinciale dei servizi / Cns - Carta nazionale dei servizi)

 

Procedure collegate all'esito

Termine procedimentale per l’approvazione delle graduatorie definitive: entro il primo semestre dell’anno successivo al periodo di raccolta delle domande. L’approvazione delle graduatorie definitive è preceduta:

  • dall’invio, all’indirizzo email indicato in sede di presentazione della domanda, della scheda punteggi elaborata al termine dell’istruttoria. Tale invio verrà fatto entro il primo quadrimestre 2021
  • dall’approvazione, sempre entro il primo quadrimestre 2021, delle graduatorie provvisorie redatte sulla base dell’istruttoria di cui al punto precedente.

Le graduatorie producono effetto dal giorno successivo alla pubblicazione, che vale ai fini di notifica.

In caso di proposta di alloggio il beneficiario verrà contattato direttamente dall'ufficio ai recapiti forniti in sede di presentazione della domanda. Le graduatorie hanno validità di un anno dalla data di pubblicazione. Si ricorda che il nucleo familiare risultante all’anagrafe al momento della comunicazione della disponibilità dell’alloggio deve coincidere con il nucleo che ha presentato domanda ad eccezione dei seguenti casi:

  • morte di un componente
  • nascita di figli di componenti il nucleo familiare
  • inclusione o esclusione del coniuge, convivente more uxorio del richiedente o di figli degli stessi.

Il rifiuto dell’alloggio proposto, che sia idoneo per metratura e numero stanze, anche se collocato in una Circoscrizione diversa da quella eventualmente scelta, comporta l’esclusione dalla graduatoria e la perdita del contributo integrativo al canone di locazione se percepito.

Nel caso in cui l’alloggio rifiutato sia distante meno di 15 km dalla zona prescelta, il rifiuto determina anche l’inammissibilità di eventuali nuove domande di locazione di alloggi di edilizia pubblica per 5 anni.

La scelta della Circoscrizione ha infatti mero valore di preferenza. Tali disposizioni non si applicano in caso di:

  • nucleo con componenti con invalidità pari o superiore al 75% o soggetti minori o ultrasessantacinquenni con accertata difficoltà a svolgere gli atti quotidiani della vita o i compiti e le funzioni della loro età
  • alloggio con 1 stanza da letto se il nucleo composto da genitore e figlio (ad eccezione della perdita del contributo integrativo sul canone di locazione, in corso, se percepito).
Cosa serve

La domanda si presenta compilando il modulo, scaricabile dal campo faq.

Il modulo è unitario per entrambe le domande di locazione alloggio pubblico e contributo integrativo all’affitto. Nella parte iniziale del modulo è chiesto di specificare quale domanda si intende presentare (una o entrambe).

Il modulo comprende:

  • una prima parte comune ad entrambe le domande
  • due parti specifiche, una per la locazione ed una per il contributo.

Al modulo va allegata una marca da bollo per ciascuna domanda presentata.

Per presentare la domanda occorre essere in possesso di:

  • attestazione Icef edilizia pubblica anno 2020 pari o inferiore al valore di 0,23
  • marca da bollo da € 16,00
  • copia dell'eventuale certificato/i di invalidità (si ricorda di consegnare solo la copia del certificato priva della diagnosi).
Costi e vincoli

Costi

marca da bollo (In caso di presentazione domanda per locazione alloggio) 16,00 Euro

marca da bollo (In caso di presentazione di entrambe le domande, di contributo e locazione) 32,00 Euro

 

Vincoli

Nel caso in cui il richiedente intenda presentare entrambe le domande di locazione e contributo, dovrà allegare al modulo 2 marche da bollo da 16 euro.

Tempi e scadenze

Periodo per domanda di locazione alloggio e contributo integrativo

Valido dal: 28/09/2020

Valido al: 18/12/2020

 

Giorni massimi di attesa, dalla richiesta

275 giorni

Casi particolari

Nel caso di separazione legale non omologata, ai fini dell’attestazione Icef edilizia pubblica anno 2020 va considerata anche la condizione economico-patrimoniale dell’altro coniuge.
Il nucleo richiedente l’alloggio deve coincidere con il nucleo di attuale appartenenza ad eccezione dei seguenti casi:

  • uscita dal nucleo di appartenenza di genitori con figli, che intendono costituire un nucleo autonomo
  • esigenze specifiche accertate dal servizio sociale
  • assegnazione con provvedimento dell’autorità giudiziaria della casa coniugale al coniuge.

La titolarità, in capo al nucleo familiare e con riferimento al triennio precedente la domanda, di diritti di proprietà, usufrutto o abitazione su un alloggio idoneo determina l’inammissibilità della domanda, salvo ricorra uno dei casi di esclusione previsti dalla legge:

  • cessazione del titolo per esecuzione immobiliare/li>
  • provvedimento giudiziale di assegnazione al coniuge della casa coniugale di esclusiva proprietà del richiedente a seguito di procedimento di separazione legale
  • invalidità del richiedente (invalidità superiore al 75%) in relazione ad alloggi che distano più di 50 km dal luogo di residenza ed abbiano rendita non superiore a euro 400
  • presenza nel nucleo familiare di invalidi al 100% che richiedano continuità assistenziale, ove il luogo di cura disti più di 50 km dall’abitazione.
Contatti

Telefono: 
0461 884053

Telefono: 
0461 884046

E-mail: 
servizio.casaresidenzeprotette@comune.trento.it

 

Orario di prenotazione appuntamenti domanda di locazione alloggio e contributo integrativo

Lun: 8.30 - 12.30

Mar: 8.30 - 12.30

Mer: 8.30 - 12.30

Gio: 8.00 - 16.00

Ven: 8.30 - 12.00

Per eventuali chiarimenti o richieste – anche per segnalare difficoltà nel prendere la linea per la prenotazione dell’appuntamento – è inoltre possibile scrivere al seguente indirizzo e-mail: servizio.casaresidenzeprotette@comune.trento.it

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Casa
Io sono: Cittadino attivo
Ultimo aggiornamento: 22/10/2020 18:47.38