Nido d'infanzia

Asilo nido.jpg

Il nido d’infanzia è un servizio educativo e sociale che collabora con le famiglie a crescere le bambine e i bambini di età compresa tra 3 mesi e 3 anni residenti nel Comune di Trento.

Avvalendosi di personale qualificato, il nido aiuta a sviluppare l’identità del bambino, proponendo spazi, attività e materiali diversificati all’interno di relazioni significative con gli adulti e fra i bambini. Il nido è infatti un contesto relazionale che cura con particolare attenzione la qualità delle relazioni affettive dei bambini, presupposto fondamentale per la crescita e il benessere dei loro primi tre anni di vita.

Oltre che con le famiglie, il nido opera con la scuola dell’infanzia, i servizi sociali e sanitari e gli altri soggetti che si occupano di prima infanzia.

Il nido ha il compito di assicurare a ogni bambino adeguate possibilità di crescita offrendo:

  • ambienti e spazi di vita idonei, sereni e accoglienti
  • stimoli che promuovono lo sviluppo sensoriale, motorio, affettivo e cognitivo
  • adeguate attenzioni sul piano igienico-alimentare.

Offre, inoltre, occasioni di formazione pedagogica per gli adulti, genitori ed educatori, promuovendo corsi di formazioni, serate a tema con l’esperto e convegni.

Requisiti soggettivi

Possono presentare domanda di ammissione ai nidi d’infanzia comunali i genitori, tutori o affidatari di bambini e bambine residenti nel Comune di Trento

Il bambino deve risultare residente con almeno un genitore

La domanda di ammissione può essere presentata dal momento in cui il bambino/la bambina risulta iscritto/a all’anagrafe del Comune o qualora sia già stata presentata dichiarazione di cambio residenza.

Solo per i bambini nati nel mese di aprile la domanda può essere presentata dalla data di nascita, purchè la madre risulti residente nel Comune di Trento.

La domanda di ammissione di un bambino o una bambina in affidamento familiare, anche non residente nel Comune di Trento, può essere accolta solo qualora risulti residente la famiglia affidataria.

Approfondimenti

Linee pedagogiche

Il Comune realizza le linee pedagogiche all'interno dei propri servizi socioeducativi attraverso il coordinamento pedagogico dotato di professionalità e competenze psicopedagogiche.
Il coordinamento pedagogico progetta e attua la programmazione pedagogica-educativa dei servizi con l'obiettivo di:

  • garantire la continuità educativa del nido
  • pianificare momenti di verifica e valutazione
  • sostenere e promuovere le competenze del personale educativo
  • favorire la messa in rete dei servizi a gestione diretta e indiretta attraverso momenti di confronto e verifica.

I documenti di riferimento per i servizi socioeducativi sono due:

  • il progetto pedagogico valido per tutti i servizi
  • il progetto educativo specifico per ogni singolo servizio.

Il progetto pedagogico

Il progetto pedagogico dei servizi socioeducativi per la prima infanzia del Comune di Trento è un documento elaborato dal coordinamento pedagogico. Esso orienta e sostiene le scelte educative all'interno dei servizi.

Il progetto educativo

Il progetto educativo traduce concretamente il progetto pedagogico. È un documento che pianifica l'attività educativa annuale e definisce la progettazione educativa e le modalità organizzative del singolo servizio.
Il progetto educativo è in continua elaborazione ed è parte integrante della documentazione del nido, fruibile sia dagli operatori del servizio sia dalle famiglie.

Iter

Presentazione delle domande di iscrizione (dal al)

Formazione delle graduatorie

ASSEGNAZIONE E ACCETTAZIONE DEL POSTO AL NIDO

Ambientamento e frequenza al nido

 

 

 

 

Il progetto educativo

Il progetto educativo traduce concretamente il progetto pedagogico. È un documento che pianifica l'attività educativa annuale e definisce la progettazione educativa e le modalità organizzative del singolo servizio.
Il progetto educativo è in continua elaborazione ed è parte integrante della documentazione del nido, fruibile sia dagli operatori del servizio sia dalle famiglie.

 

Informativa sul trattamento dei dati personali

Ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, “Codice in materia di protezione dei dati personali”, si informa che:

a) i dati vengono raccolti e trattati per le finalità di cui alla L. P.12.3.2002 n. 4 e ss. mm. e alle procedure amministrative e contabili inerenti all’ammissione ed erogazione dei servizi socio educativi per la prima infanzia. I dati personali raccolti possono essere trattati dal comune di Trento per finalità statistiche;

b) il trattamento riguarda anche dati sensibili (origine, stato di salute), ai sensi di quanto disposto dalla L. P.12.3.2002 n. 4 e ss. mm. e dal Regolamento per la disciplina del sistema dei servizi socio educativi per la prima infanzia del Comune di Trento;

c) i dati vengono trattati con sistemi informatici e/o manuali, attraverso procedure adeguate a garantirne la sicurezza e la riservatezza;

d) il conferimento dei dati ha natura obbligatoria per quanto riguarda i procedimenti amministrativi e contabili inerenti all’ammissione ed erogazione dei servizi socio educativi per la prima infanzia; Non fornire i dati comporta non osservare obblighi di legge e/o impedire che il Comune di Trento possa provvedere all’ammissione ed erogazione dei servizi socio educativi per la prima infanzia;

e) i dati possono essere comunicati ai soggetti gestori dei servizi e a tutti i soggetti (Uffici, Enti ed Organi della Pubblica Amministrazione, utenti) che secondo le norme, sono tenuti a conoscerli o possono conoscerli, nonché ai soggetti che sono titolari del diritto di accesso;

f) i dati possono essere conosciuti dal responsabile o dagli incaricati del Servizio Servizi all’Infanzia, Istruzione e Sport;

g) ai sensi dell'art. 7 del d.lgs. 196/2003, l'interessato ha diritto di :

- richiedere la conferma dell'esistenza o meno dei dati che lo riguardano;

- ottenere la loro comunicazione in forma intelligibile;

- richiedere di conoscere l’origine dei dati personali, le finalità e modalità del trattamento, la logica applicata se il trattamento è effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;

- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge;

- aggiornare, correggere o integrare i dati che lo riguardano;

- opporsi, per motivi legittimi, al trattamento dei dati;

h) Titolare del trattamento dei dati è il Comune di Trento;

i) Responsabile del trattamento è il Dirigente del Servizio Servizi all’Infanzia, Istruzione e Sport;

j) Responsabile designato per l'esercizio dei diritti dell'interessato è il Segretario generale.

Scelta del nido

Il genitore può presentare domanda per due tipologie di servizio di nido d’infanzia:

  • nido d’infanzia a tempo pieno;
  • nido d’infanzia a tempo parziale.

La scelta dei nidi d’infanzia a tempo pieno è effettuata indicando 2 preferenze secondo le seguenti modalità:

Nido di prima scelta: vincolata alla residenza del bambino ed effettuata fra i nidi collocati nella propria area di utenza.

  • Tali aree vengono individuate dalla Giunta comunale ai sensi dell’art. 11 del Regolamento per la disciplina delsistema dei servizi socio educativi per la prima infanzia.
  • I residenti nelle Circoscrizioni n. 2 Meano (escluse via Maso Librar e Strada di Montevaccino), n. 3 Bondone, n. 6 Argentario (incluse via Maso Librar e Strada di Montevaccino), n. 7 Povo, n. 8 Mattarello, n. 9 Villazzano devono indicare come nido di prima scelta il nido di natura Circoscrizionale.
  • Limitatamente ai richiedenti residenti nella zona di S. Lazzaro della Circoscrizione di Meano, verrà attribuito in automatico come nido di prima scelta oltre al nido di Meano anche il nido di Lavis.
  • Ai richiedenti residenti nelle vie della Circoscrizione di Gardolo riportate nel prospetto allegato, verrà attribuito in automatico come nido di prima scelta oltre al nido “Aquilone” anche il nido di Lavis. L’utente dovrà individuare una delle due strutture in via prioritaria. In allegato si riporta il prospetto “Elenco vie e numerazione civica per la scelta del nido del Comune di Lavis”; 

Nido di seconda scelta: libera per tutti i nidi del territorio comunale compresi i nidi Circoscrizionali.

  • La scelta dei nidi d’infanzia a tempo parziale non è vincolata all’area di residenza ed è effettuata indicando due preferenze rispetto alle strutture a tempo parziale disponibili.

La richiesta dei servizi di anticipo e posticipo di orario e di fruizione del servizio anche il sabato mattina o pomeriggio, nei nidi ove previsti, viene espressa in sede di domanda.

All’atto della domanda, il genitore dichiara la propria disponibilità o indisponibilità ad essere contattato per l’accettazione di posti eventualmente rimasti liberi, in qualsiasi nido del territorio comunale, dopo le assegnazioni sulla graduatoria annuale.

L’utente, che non sia stato contattato per nessuna scelta operata, verrà così contattato per una sola volta, esclusivamente tramite comunicazione telefonica
(sms o chiamata), per l’eventuale scelta fra i posti rimasti liberi sui nidi la cui graduatoria specifica è esaurita. La sua rinuncia non determina decadenza dalla graduatoria per le specifiche scelte effettuate in sede di domanda.

Criteri per la formazione delle graduatorie

Sulla base delle domande di ammissione presentate viene formata la graduatoria annuale distinta per le due tipologie di nido d’infanzia: a tempo pieno e a tempo parziale.
La collocazione nella graduatoria viene effettuato sulla base di un punteggio complessivo ottenuto sommando i punteggi relativi a ciascuno dei criteri individuati.
Ai fini dell’attribuzione del punteggio il nucleo familiare di riferimento è quello dei genitori che dovrà essere autocertificato al momento della domanda.

Se uno dei genitori ha residenza anagrafica diversa e non sussista situazione di separazione legale, di divorzio, di abbandono del coniuge accertato in sede giurisdizionale, di esclusione del coniuge dalla potestà genitoriale, di provvedimento di allontanamento della residenza familiare, ambedue i genitori si considerano facenti parte dello stesso nucleo familiare del bambino

 

.... criteri ...

Graduatorie mensili e di ammissione

La graduatoria mensile delle domande presentate viene formata entro il 20 di ogni mese ed utilizzata ad avvenuto esaurimento delle graduatorie annuali, con
riferimento ai posti disponibili in ogni nido d’infanzia e distinti per fasce di età.

All’atto della domanda, il richiedente dichiara la propria disponibilità o indisponibilità ad essere contattato dal Servizio Servizi Infanzia per l’accettazione di un posto nei nidi scelti eventualmente resosi disponibile nel corso dell’anno educativo precedente quello per cui si presenta la domanda e indica il periodo di interesse.

In tal caso l’utente verrà contattato una sola volta per ogni scelta effettuata al verificarsi della disponibilità del posto nel periodo di interesse. 

In caso di perdita del requisito della residenza nel Comune di Trento per cancellazione con effetto retroattivo della dichiarazione di cambio residenza a seguito dei controlli previsti dalla normativa, il bambino già ammesso al nido perde il diritto al posto e pertanto viene dimesso d'ufficio.

A parità di punteggio, la posizione in graduatoria viene stabilita assegnando la precedenza all’utente con punteggio più elevato per la “situazione familiare”.
In caso di ulteriore parità si considera la data di nascita del bambino/bambina, attribuendo la priorità a chi è nato prima. In subordine si considera l'ordine di
presentazione della domanda. 

Le domande presentate a partire dall’1 settembre per l’ammissione al nido di bambini che, in base alle disposizioni generali in materia stabilite annualmente
dalla Giunta provinciale hanno acquisito il diritto all'iscrizione alla scuola dell’infanzia, verranno considerate decadute ai fini della formazione della graduatoria annuale, fatti salvi gli effetti per le graduatorie mensili.

Sulla base dei criteri sopra individuati il Dirigente forma e approva la graduatoria annuale per ciascuna tipologia di nido d’infanzia entro il 15 maggio.

La graduatoria elenca le posizioni e le assegnazioni in base ai posti disponibili in ciascun nido d’infanzia e viene depositata nelle sedi individuate nel provvedimento di approvazione e pubblicata nel rispetto dei principi di pertinenza e non eccedenza del trattamento dei dati.In sede di prima assegnazione, non sarà inviata nessuna comunicazione formale.

La perdita del requisito della residenza nel Comune di Trento del bambino, comporta la cancellazione della domanda di ammissione al nido dalla graduatoria.

In Comune di Trento…

 

 

 

 

In Comune di Trento…

 

 

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Studio
Io sono: Bambino